Recensioni

Quinta giornata: piccoli illustratori in erba crescono a Passaggi d'Autore: applausi per il corto di animazione realizzato dai bambini della scuola primaria condotto da Magda Guidi

Un'apocalittica battaglia tra mostri famelici, santi di serie b, amici sbilenchi, divinità inette, punk e rockers resuscitati, e gran finale tra botte e cazzotti. San Laszlo è una specie di saltimbanco, buffo, ciccione, goffo, nullafacente, porta in testa un'aureola perché si è autoproclamato santo, si scontra con altri personaggi ancora più bizzarri, diverte mentre balla nella sua ridicola tutina nera al ritmo di accattivanti suoni acidi e ipnotici. Un successone tra risate e apprezzamenti, e il pubblico di piccoli e adulti divertito, a grande richiesta chiede il bis. Il corto di animazione "San Laszlo contro Santa Maria Egiziaca" di Marta Guidi, disegnatrice di film animati tra le migliori firme del panorama italiano del fumetto, dell'illustrazione e dell'animazione ha catturato come un magnete, fino a farli ballare sulle sedie della Sala Consiliare del Comune, i bambini e le bambine della scuola primaria di Sant'Antioco, ospiti per due matinèe venerdì 8 e sabato 9 dicembre alla tredicesima edizione di Passaggi D'Autore: Intrecci Mediterranei.

Intervista a Magda Guidi, a cura di Paola Cireddu

Due giornate dedicate a "disegnare l'immaginario", sotto la guida dell'artista pesarese che ha presentato ai bambini il fantastico mondo animato delle sue creazioni attraverso la proiezione di una selezione dei suoi cortometraggi realizzati tra il 2000 e il 2016 (Via Curiel; Dalila; Sì, però…; Nuova Identità; Ecco, è ora; Via Curiel 8; Guardami o non guardarmi; Dalila; La curva del bambino). In compagnia di Simone Fratini della Cineteca di Bologna, li ha poi trasportati nell'esperienza vera e propria della realizzazione dei cartoni animati. Iniziativa che rientra tra le attività collaterali del festival del cortometraggio mediterraneo che come ogni anno dedica ai piccoli della scuola primaria alcuni workshop sul linguaggio audiovisivo. Quest'anno grazie alla collaborazione con il progetto di educazione all'immagine in movimento "Schermi e Lavagne", organizzato e promosso dalla Cineteca di Bologna e dal Circolo del Cinema "Immagini", i giovanissimi illustratori in erba hanno lavorato per tre giorni intensi sotto la sapiente direzione di Magda e Simone alla realizzazione di un piccolo video utilizzando la tecnica di animazione tradizionale del disegno, nel laboratorio dal titolo "Maschere". Un viaggio che ha tratto ispirazione dalle antiche maschere della tradizione sarda, ridisegnate su cartoncino secondo la fantasia dei piccoli artisti della II classe della scuola di via Virgilio di Sant'Antioco, affiancati dalle loro insegnanti. Disegni, ritagli, collages, fondali di tanti colori, scatti fotografici e le loro storie da raccontare con l'affascinante tecnica di animazione stop motion. Gran finale la mattina del 9 dicembre con la proiezione del video realizzato dai mini registi. La Sala Consiliare del Comune ha visto la grande partecipazione dei bambini, delle mamme e delle insegnanti, felici e molto soddisfatte di questa esperienza. La visione del video è stata preceduta da un altro filmato con le immagini del back stage dei piccoli al lavoro riprese nei giorni del laboratorio.

<< I bambini, quando si lavora con i cartoni animati, ovviamente sono sempre molto entusiasti perché è un'attività extra scolastica di divertimento e possono così dare sfogo a tutta la loro creatività>>, ha spiegato Magda Guidi. <<Una cosa molto divertente da fare insieme a loro è registrare i anche i suoni del cartone animato. Quindi sono gli autori e gli attori, sono gli autori di tutto, dei suoni e dei disegni dell'animazione. Una esperienza che è partita prima dalla creazione dei soggetti e dei fondali per spiegare poi loro attraverso la fase di ripresa come funziona il principio dell'animazione>>.

Magda Guidi a Passaggi d'Autore: Intrecci Mediterranei 2017 durante la presentazione del video realizzato con i bambini della Scuola Primaria di Sant'Antioco

Magda Guidi nasce a Pesaro nel 1979. Si diploma all’Istituto Statale d’Arte – Scuola del Libro – di Urbino, nella sezione Cinema d’animazione, e frequenta successivamente il Biennio di perfezionamento in Cinema d’animazione, terminando gli studi nel 2000. Realizza quindi alcuni cortometraggi animati, selezionati in numerosi Festival italiani e internazionali: Sì, però (del 2000), 2° premio a L’Attimo Fuggente – Pesaro Film Festival 2000 e 2° premio a Videocinema di Pordenone 2001; Nuova identità (del 2003), videoclip per la band italiana “Tre allegri ragazzi morti”, premio della giuria a Videozoom di Tornaco (NO) 2003; Ecco, è ora (del 2004), gran premio Castelli Animati di Roma 2004. Nel 2005 collabora, con 50 secondi di animazione, alla realizzazione del cortometraggio Il nano più alto del mondo, diretto da Francesco Amato e prodotto dal Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma. Nel 2009, insieme ad Andrea Petrucci e Sergio Gutierrez, disegna un video di animazione per lo spettacolo "L'ultima volta che vidi mio padre" di Chiara Guidi (Socìetas Raffaello Sanzio). In collaborazione con Mara Cerri, ha realizzato il cortometraggio d'animazione "Via Curiel 8", tratto dall'omonimo libro, vincitore del Torino Film festival 2011 Sezione Corti. Nel catalogo di orecchio acerbo, oltre a "Via Curiel 8" (nuova edizione libro + Dvd, 2012), "Banchi di nebbia" (2010), catalogo dell'omonima mostra collettiva.

@PASSAGGIDAUTORE.INTRECCIMEDITERRANEI 2016