Recensioni

IL BINARIO MORTO – Italia, 2023

IL BINARIO MORTO – Italia, 2023

IL BINARIO MORTO

Antonio Maciocco, Italia, 2023, FICTION, 24’

 

Il tema del suicidio raccontato con semplicità e spensieratezza, alla ricerca di un senso per una vita degna di essere vissuta

 

Dopo aver perso il lavoro in nord Italia, Tommaso rientra in Sardegna. Disperato, decide di farla finita sdraiandosi sulle rotaie della ferrovia. Si tratta però di un binario morto, offrendogli così una seconda chance nella vita.

 

Vincitore della sezione “Intrinas” della XIX edizione del Festival Passaggi D’autore – Intrecci Mediterranei, il cortometraggio di Antonio Maciocco è stato premiato dalla Giuria Giovani, formata da due classi liceali del territorio, per l’approccio spensierato a un tema sempre amaro e difficile da affrontare come quello del suicidio tra i giovani.

Il regista sardo puntella il proprio corto di momenti ilari o leggeri che fanno quasi dimenticare allo spettatore la tematica di fondo. Tale scelta narrativa, incarnata anche dal personaggio eccentrico e gioviale di Franco che abita con sua moglie in una stazione abbandonata e che incontra Tommaso nel momento del suo gesto finale, porta in seno il messaggio per un modello di vita votato più alla semplicità che alla ricerca sfrenata, e talvolta autodistruttiva, per un obbligato successo di carriera e di vita.

In netta opposizione alla pressione sociale che impone la perfezione sulle generazioni più giovani, le quali possono sentirsi smarrite o inette nel caso in cui non riescano a soddisfare tali aspettative, Maciocco propone a Tommaso e al proprio spettatore l’importanza dei valori legati alla terra, ai sogni personali e alle relazioni umane come possibili alternative per ritrovare libertà e piacere di vivere.

La morale finale, sempre ben rappresentata dal personaggio di Franco, è la consapevolezza che la vita non segue un percorso lineare fatto di tappe, ma è piuttosto un viaggio di scoperta di sé stessi, del mondo circostante e dei propri desideri. Il successo e la ricchezza perdono il loro significato, facendo spazio ad un’esistenza che può certamente presentare delusioni e ostacoli senza però credere che questi definiscano l’essenza di una persona. La vita merita di essere vissuta appieno, soprattutto quando affrontata con leggerezza e con una volontà sincera di lasciarsi sorprendere, ascoltando il cuore e, infine, seguendo il percorso di vita che si desidera con l’appropriato ritmo.

Nicola Bardi (@nickbardi)

Comments are closed