Recensioni

We should all be Futurists – Angela Norelli, Italia

We should all be Futurists – Angela Norelli, Italia

“Non v’è più bellezza, se non nella lotta nel cinema.”

WE SHOULD ALL BE FUTURISTS
Angela Norelli, Italia, 2023, 11’

Rosa confida all’amica Giorgina un segreto: l’uomo-macchina immaginato da Marinetti non è un futuro prossimo per gli uomini, come dicono i futuristi. È un presente per le donne, che Giorgina può ricevere per posta.

“We should all be futurists” utilizza materiali d’archivio degli anni ‘20 per fare una satira sociale e culturale sul machismo e sessismo promossi da Tommaso Marinetti nel celebre manifesto futurista.
L’ironia brillante della giovane autrice nel ribaltare i concetti del suddetto movimento artistico a favore del femminismo è un’operazione piacevolmente esilarante e compiuta. Ad un’attenta analisi emergono le numerose stratificazioni di linguaggio attuate dalla regista. Un lavoro di appropriazione stilistica sotto diversi aspetti, a partire da quello linguistico nella narrazione epistolare che accompagna con ironia i materiali d’archivio, fino agli aspetti cinematografici più formali. Il montaggio esprime quella velocità e aggressività promosse da Marinetti, con un susseguirsi incalzante di immagini e un decoupage sonoro swing, che entra in risonanza finanche con i font grafici pubblicitari dell’epoca di riferimento.
Nella visione del cortometraggio le immagini risultano scatole vuote che hanno bisogno di passare attraverso una risignificazione data dalle voci narranti delle due protagoniste Giorgina e Rosa; in quest’ottica, fotogrammi di filmati pornografici femminili diventano
un’esaltazione della libertà sessuale, e per nulla volgare, della donna.
Insomma, si avverte una consapevolezza lucida nella gestione tecnica dell’opera cinematografica e insieme una maturità artistica nel restituire vigore e freschezza alla narrazione femminista degli ultimi anni, utilizzando, tra l’altro, gli stessi strumenti del patriarcato che Angela Norelli ribalta in maniera frizzante.

Denise Maria Paulis

Comments are closed